I nostri uffici e partner nel mondo

Senza categoria

Nuove vie per la promozione di giovani artisti della cultura popolare

Pro Helvetia ha conferito un mandato di prestazione alla Comunità d’interessi per la cultura popolare (IGV) con sede ad Altdorf, che andrà soprattutto a beneficio delle nuove leve. La Fondazione verserà un contribuito annuo di 100’000 franchi a un fondo amministrato dalla IGV. Questo fondo costituisce un progetto pilota e per il momento è limitato a tre anni.

Jodler, gruppi musicali o di canto corale, di costumi svizzeri tradizionali oppure sbandieratori: oltre 300’000 persone sono attive in queste discipline, e sono riunite in dieci federazioni nazionali sotto il mantello della Comunità d’interessi per la cultura popolare in Svizzera e nel Liechtenstein (IGV). Durante l’odierna assemblea dei membri a Olten, la IGV e Pro Helvetia hanno firmato un accordo di prestazione, con cui la Fondazione, nel quadro di un progetto pilota triennale, delega all’IGV il sostegno dei progetti di portata nazionale delle singole federazioni di cultura popolare (www.volkskultur.ch).

L’importanza dell’impegno amatoriale per la cultura popolare

La legge sulla promozione della cultura dall’anno scorso ha assegnato a Pro Helvetia la promozione delle nuove leve. Dato che la cultura popolare è praticata soprattutto da non professionisti, i criteri di valutazione adottati dalla Fondazione per le altre discipline artistiche spesso si dimostrano inadeguati. Ciò vale in particolare per le nuove leve, categoria che secondo i parametri di Pro Helvetia comprende giovani artisti che hanno terminato la formazione da un massimo di cinque anni. Grazie alla collaborazione con la IGV è tuttavia possibile assolvere questo compito in maniera appropriata ed efficiente. A tale scopo è stato creato il «Fondo cultura popolare Pro Helvetia», che dal 2013 al 2015 verrà alimentato dalla Fondazione con un contributo annuo di 100‘000 franchi. Per esaminare le richieste di sussidi, la IGV ha istituito una giuria indipendente di esperti, di cui fanno parte Isabelle Raboud-Schüle (Bulle), André Ducret (Pont-la-Ville), Josef Schuler (Altdorf) e Hansruedi Spichiger (Berna) nel ruolo di presidente; Pro Helvetia vi è rappresentata senza diritto di voto. Il segretariato del Fondo è affidato alla Casa della cultura popolare ad Altdorf.

Le richieste di sussidi da parte di singoli artisti, gruppi e festival andranno inoltrate anche in futuro direttamente alla Fondazione svizzera per la cultura, tramite il portale www.myprohelvetia.ch.

Informazioni ai media: Isabel Drews, Comunicazione,

Tel. +41 44 267 71 51; idrews@prohelvetia.ch

Comunicato stampa della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, 22.02.2013