I nostri uffici e partner nel mondo

Senza categoria

Pius Knüsel lascia Pro Helvetia

Pius Knüsel, direttore della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, lascerà l’istituzione a fine settembre 2012: dopo un impegno decennale nella promozione nazionale della cultura, ora intende riorientarsi professionalmente.

Pius Knüsel, direttore della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia dal 1° luglio 2002, lascerà la carica alla fine di settembre: ritenendo necessaria una svolta dopo dieci anni di attività, intende affrontare nuove sfide professionali in ambiti diversi dalla promozione culturale. Per un cambiamento di gestione il momento prescelto gli sembra ideale perché Pro Helvetia, dopo aver messo a punto con successo la riorganizzazione interna innescata dalla legge sulla promozione della cultura, oggi funziona in maniera eccellente. Knüsel sottolinea come le dimissioni non siano legate alla pubblicazione del testo «Der Kulturinfarkt», uscito in marzo, che ha suscitato reazioni controverse.

La decade in cui Pius Knüsel ha diretto Pro Helvetia è stata contraddistinta da un riassestamento della rete di uffici all’estero, da molti programmi prioritari e da un management dei costi rigoroso. Ricadono nel suo mandato: la riforma del 2004, che all’insegna di «Visione 70» ha ridotto di un quarto lo zoccolo dei costi; l’«affare Hirschhorn» a Parigi, sfociato in una valutazione a posteriori – positiva per Pro Helvetia – da parte del Controllo parlamentare dell’amministrazione; i programmi di scambio con Giappone, Cina, Germania, Francia e Austria; i programmi di stimolo in materia di cultura popolare e di videogiochi; l’apertura di centri di collegamento a New Delhi e a Shanghai; l’avvio del partenariato con l’Istituto Svizzero di Roma (ISR); la stesura della legge sulla promozione della cultura, con la connessa ristrutturazione di Pro Helvetia; la digitalizzazione dei processi gestionali.

Oggi la Fondazione conta 42 posti di lavoro a tempo pieno in Svizzera e 25 all’estero, con una quota di costi amministrativi (14,5%) corrispondente a una media europea. Oltre a gestire il centro culturale svizzero di Parigi e a cofinanziare sia l’ISR sia lo Swiss Institute di New York, Pro Helvetia mantiene cinque uffici di collegamento (a Varsavia, al Cairo, a Johannesburg, a New Delhi, a Shanghai) e vaglia ogni anno circa 3500 richieste di sussidi.

Il concorso pubblico per il posto oggi occupato da Pius Knüsel sarà indetto nel prossimo giugno. Scegliere la nuova direttrice o il nuovo direttore spetterà ai nove membri del Consiglio di fondazione. La direzione ad interim di Pro Helvetia sarà assicurata dall’attuale direttore sostituto, Andrew Holland.

Informazioni ai media: Sabina Schwarzenbach, Responsabile Comunicazione

Tel. +41 44 267 71 39, Fax +41 44 267 71 06, sschwarzenbach@prohelvetia.ch

Comunicato stampa della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, 23.05.2012