I nostri uffici e partner nel mondo

Senza categoria

«scene: schweiz in nrw», festival culturale svizzero in Renania settentrionale-Vestfalia

Comunicato stampa del 23.4.2004

Dal maggio al giugno 2004 un Land della Repubblica federale tedesca, la Renania settentrionale-Vestfalia (NRW), presenterà in una rosa di città un festival culturale svizzero dal titolo «scene: schweiz in nrw». Il programma dei due mesi – circa 150 manifestazioni in tutta una gamma di filoni culturali e artistici contemporanei (danza, teatro, musica, cinema, letteratura, arte figurativa, architettura, scienza) – è stato elaborato in stretta collaborazione con la Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia; il festival è sostenuto anche da Presenza Svizzera e dal consolato generale elvetico di Düsseldorf.

Le Giornate culturali internazionali di Dortmund, che risalendo al 1957 sono il più antico dei festival culturali tenuti regolarmente in Germania, finora hanno avuto come ospiti una ventina di paesi europei, cercando di presentarli nella loro molteplicità culturale e di promuovere gli scambi culturali in seno al continente. Oggi costituiscono il fulcro di un autentico evento a largo raggio con manifestazioni ad Aquisgrana, Bonn, Düsseldorf, Colonia, Münster e Oberhausen. Il programma di quest’anno, battezzato «scene: schweiz in nrw», scatterà il 16 maggio all’Opernhaus di Dortmund con la festosa esibizione del Ballet du Grand Théâtre de Genève: le produzioni presentate saranno «Le Sacre» (John Neumeier) e «Para-Dice» (Saburo Teshigawara).

Nel festival la cultura svizzera si presenterà in veste fresca e divertente, con una gamma tematica che spazia dalla Slam Poetry al confronto cinematografico col tunnel, dalla performance elettro-pop alla meditazione zen nell’arte, dal corno delle Alpi alla mostra multimediale. Il programma prevede molte coproduzioni fra artisti tedeschi e svizzeri; ne è un esempio il lavoro «Klima CH-D», messo in scena congiuntamente dai due registi Frank Heuel (di Bonn) e Jordy Haderek (di Basilea). Promette sorprese anche la performance letteraria e musicale «Berge versetzen», che agli scrittori svizzeri Ralf Schlatter e Michael Stauffer affianca una formazione di ottoni proveniente dalla regione della Ruhr. Di tutt’altro tipo sarà l’avventura offerta dalla mostra «Wind der Hoffnung»: con l’aiuto di Presenza Svizzera, il gasometro di Oberhausen presenterà il Breitling Orbiter 3 di Bertrand Piccard.

Aspetti centrali del programma di «scene: schweiz in nrw» sono lo scambio e il dialogo. Una tavola rotonda sul tema «L’immagine degli altri» vedrà noti personaggi che dividono la propria esistenza fra Svizzera e Germania, come lo scrittore Adolf Muschg e l’attrice Bibiana Beglau, discutere dell’immagine che loro stessi si fanno degli altri. Scopo dell’impegno di tutti i partecipanti al progetto è sviluppare una collaborazione culturale rafforzata fra la Svizzera e la Renania settentrionale-Vestfalia.

Un descrittivo e altro materiale per i media sono disponibili in rete (info@pro-helvetia.ch). Ragguagli sul programma si trovano anche al sito www.scene-schweiz-in-nrw.de